Amazon e non mi dite che c’entra il Covid….nooo

Dopo l’articolo di denuncia sulle pessime performance di AmazonPrimeNow purtoppo , malgrado ho lavorato per loro, sono venditore e acquirente da 10 anni  devo scrivere qualcosa di negativo questa volta sul “normale” funzionamento di Amazon.it per articoli non di prima necessità ma che comunque come cliente “Prime” (40 euro l’anno) meritano una riflessione.

Provo a farla semplice. Amazon ha 2 canali. Il primo e’ il marketplace cioè venditori terzi che, se abbonato a Prime, fanno gestire la logistica da Amazon. Non voglio essere noioso, comunque il meccanismo e’ semplice: tu venditore spedisci il tuo container, pallet la tua merce nei magazzini Amazon e poi , a fronte di un pagamento, Amazon gestisce la logistica in due parole la spedizione al cliente finale che acquista sulla piattaforma.

C’è un’altra opzione, acquistare oggetti che Amazon vende e distribuisce in modo autonomo attraverso la sua logistica.

Questo secondo modo essendo gestito in toto da A a Z da Amazon dovrebbe essere il modo più veloce per ricevere i prodotti acquistati.

Andiamo al punto. Sia nel caso uno o due Amazon dichiara un giorno ed orario di consegna.

Faccio il buono per poi diventare cattivo. Io posso capire che per colpa di covid ed intasament vari nelle consegne varie non si puo’ rispettare il tempo indicato di consegna ma due esperienze:

  1. Da Marketplace con Logistica Amazon qualcosa che doveva arrivare il 4 Maggio arriva dopo almeno 3 telefonate di reclamo arriva con 5 giorni di ritardo. Motivo: prima consegna non riuscita.
  2. Da Amazon stessa e logistica Amazon oggetto che questa mattina era a Buccinasco alle 9.12 , Buccinasco dista 3 km da casa mia. Anche in questo caso si legge sul sito “tentativo di consegna non andato a buon fine”.

Ora il discorso non è tanto il ritardo nelle consegne ma la presa in giro.

Amazon ed i suoi corriere hanno sia il codice del cancello sia il mio numero di cellulare. Fra l’altro vivo in un mega condominio con due portinerie delle quali qualsiasi corrieri sa orari e disponibilità

Lo sanno tutti da Amazon Logistic a DHL a BRT a GLS a SDA a Poste Italiane e forse ne scordo qualcuno….

Tutti sanno tutto orari ma in più hanno codice citofonico e numero di cellulare.

Allora e la chiudo qui, perchè prendermi in giro?

Se mi dite che c’è un ritardo per il periodo che stiamo vivendo io ci posso anche credere e non mi lamenterei ma se quando sono a casa e nessuno citofona, chiama al cellulare o va dal portiere che è in servizio non ditemi “tentativo di consegna non andato a buon fine” non siete neanche passati perchè si da il caso che io ho connessioni personali con entrambi i portieri, sono a casa, ho il cellulare acceso ed ovviamente il citofono disponibile.

Quindi non e’ un problema di ritardo nelle consegne ma semplicemente di essere preso in giro.

Consegna 1: Tentativo alle 19.41 allora parliamone le Poste Italiane alle 16 max sono a letto ma anche e quando facciamo che lavorino fino alla mezzanotte (non ci credo ma lo do per buono) cosa vai a cercare il portierato che sai da anni che alle 19 chiude? Perchè non chiami me o citofoni?

Consegna 2: Tentativo di consegna alle 16.41 il portiere era al suo posto (lo so perchè mannaggia purtroppo entrambi i portieri sono miei amici) quindi cosa mi venite a dire che tentativo di consegna non andato a buon fine? Ripeto che sia Amazon Logistics o Poste o chi altro hanno indirizzo,campanello e numero di cellulare.

Ora non ci vuole un genio per capire che quei tentativi di consegna non sono mai avvenuti.

Ora a me il ritardo potrebbe anche starmi bene se motivato ma essere preso in giro non mi va proprio.

Sinceramente non so se accettare o rifiutare il pacco che “forse” arriva domani, di sicuro Amazon ha perso in questo periodo la mia fiducia come cliente.

Ripeto posso accettare i ritardi nelle consegne ma essere preso in giro non lo permetto a nessuno.