CoVid Fase 3, riflessioni

Premetto che non sono da categorizzare fra i negazionisti del covid. Ci mancherebbe, 36000 e più persone son decedute molte altre son ricoverate, il problema quindi c’è.

Lascio stare anche le teorie complottistiche come “virus creato di proposito e diffuso ad hoc”. Queste teorie le scarto perchè la vita mi ha insegnato che non si fa mai nulla per nulla nel senso non si fa qualcosa se qualcuno non ci guadagna economicamente.

Quindi viene da pensare che visto che decessi a parte, l’economia mondiale sta collassando, visto che non esiste un vaccino o un farmaco specifico e quindi neanche le multinazionali farmaceutiche stanno guadagnando, anzi perdono investendo in ricerca. Chi ci sta guadagnando? Sinceramente non ci arrivo. Si potrebbe pensare ad essere veramente cattivi che ci guadagnano gli stati tutti perchè sulla terra siamo troppi, i più colpiti purtroppo e con il massimo rispetto, sono anziani quindi spesa sociale ma anche questa è una teoria stile bolla di sapone, lo penso e lo nego perchè di fatto negli ultimi mesi l’età media di contagi e decessi tranne che i bambini colpisce anche giovani in buona salute. Torno quindi all’inzio nella mia testolina dico se fosse qualcosa fatto volontariamente chi ci sta guadagnando?

Sinceramente io una risposta non ce l’ho. Anche la teoria di cui sopra sarebbe un buttarsi la zappa sui piedi perchè se da un lato “sfoltisci” i costi sociali dall’altro la gente la devi curare, non si muore in un giorno, molte piccole aziende son fallite, i costi del Welfare (Cassa Integrazione e bonus vari), maggiore quindi disoccupazione e produttività aziendale, riduzione del PIL. Quella teoria quindi la scarterei per logica.

P.S: non farebbero questo solo per le mascherine che danno un valore al dettaglio irrisorio e quindi introiti veramente minini.

Ma lasciamo stare quanto sopra non ho letto mai qualcosa di plausibile alle domande evidenziate.

Analizziamo un’altro concetto. I Media e l’informazione in generale.

Da Febbraio/Marzo si parla solo con e senza cognizione di causa di positivi,ricoverati domiciliar, isolati, asintomatici, chi in terapia intensiva, decessi, tamponi.

Penso che siano i “tag” di questo 2020 cioè gli argomenti più cercati,letti in quanto sempre in prima pagina.

Il modo nel quale i nostri media sin dall’inzio veicolano numeri ed informazioni è a mio avviso totalmente controproducente. Questo (fra poco spiego il perchè) allarmismo crea oltre ai disagi del lockdown precedente una psicosi collettiva che svia le persone. Si passa da quelli considerati scellerati perchè non usano la mascherina a quelli che al contrario sono così spaventati da usarla (non è più obbligatoria) anche all’aperto, in auto da soli e chiusi, in strade semideserte dove il primo essere vivente è a 100 metri di distanza. In pratica un distanziamento sociale che non è quel famoso “metro” fisico di distanza ma diventa psicologicamente la visione del prossimo come potenziale “untore”, si riducono quindi i rapporti sociali a tutti i livelli creando ansie,depressione,isolamento sociale. Direi che questi effetti collaterali sono 1000 volte peggiori di quelli del contrarre la malattia stessa.

Ora attenzione, ripeto non sono negazionista e sono ed invito ad essere rispettosi di leggi e regolamenti comunali,provinciali,regionali a tutela della salute pubblica.

La mascherina la uso sempre nei posti chiusi. Supermercati, centri commerciali,negozi,farmacie,etc. Non la uso di sicuro se sono all’aria aperta,in auto da solo o se banalmente con la mascherina ordino un caffè e me lo facci servire al tavolo all’aperto con la gente lontana almeno 2 metri.

Insomma rispetto delle leggi ma elasticità dettata dal buon senso anche perchè (e mi dispiace per chi per motivi di lavoro deve tenerla 8 ore al giorno) non è che sia il massimo sia a livello di comodità che di salute, sopratutto nel periodo estivo che abbiamo passato.

Era una parentesi. Torniamo ai media. Numeri e numeri. Per prima cosa il metodo di osservazione e quindi statistico è totalmente ERRATO. In ogni statistica che si rispetti il campione deve essere rappresentativo. Fare il tampone solo a chi viaggia o a chi va in ospedale e pochissime altre categorie non rappresenta, per me, un dato statistico affidabile.

Dovrebbero farol a Tutti indiscriminatamente perchè il virus non ha una data di nasciata precisa, odvrebbe essere gratuito ed obbligatorio. Utopia ed anche questo servirebbe a poco perchè potrei non averlo oggi a fronte di un controllo obbligatorio e contrarlo fra un mese ma sarebba stato (il passato è fondamentale) una prima misura di prevenzione e cura.

Questa riflessione si sposa con la barzelletta degli “asintomatici”. Ora come per ogni malattia posso esser portatore sano ma se non lo so (a fronte di ricovero, tampone obbligatorio) come faccio a “proteggere” il prossimo in modo efficace? Con la mascherina penserete. Si ma anche li ho dei dubbi perchè insomma anche se asintomatico se bevo il caffè la devo levare, lo starnuto ed il colpo di tosse può scappare anche per i comunissimi disturbi allergici dei quali soffrono milioni di italiani.

Ultime due riflessioni o spunti per ragionarci su. Il covid/sars2 è stato isolato solo perchè in quella provincia cinese mesi fa si sono rilevati casi elevati di polmoniti con complicazioni ma la polmonite come complicazione di una semplice influenza stagionale in soggetti con patologie pregresse esiste da sempre. Solo i numeri, i famosi “focolai” hanno fatto scattare controlli approfonditi. Chi ci dice che il covid non esistesse già da molto prima ma non conoscendolo lo classificavano come complicazione da influenza?

Non lo si potrà mai sapere. Probabilmente se mettiamo da parte quei numeretti forse quasi tutti lo abbiamo preso già l’anno scorso ma essendo asintomatici o curando il tutto come per influenza e polmonite non se ne e’ accorto nessuno.

Altra riflessione. Ragioniamo. Il tasso di letalità nelle peggiori delle statische lette o meglio nella media è di circa il 4% il che significa che su 100 positivi i decessi sono 4. Chi lo dice che la causa è il covid e non la concausa, la famosa goccia che ha fatto traboccare il vaso di patologie pregresse? Non ce lo dicono ne lo diranno, ci vorrebbe un’autopsia per ogni deceduto, cosa ovviamente che costa troppo e non farà mai nessuno per ovvi costi sociali.

In ultimo. Da mesi si parla solo di questo. Leggi 10 decessi al giorno e ti fai il segno della croce ma dico scherziamo? 10 persone su 60.000.000 di popolazione? Sono miracolosamente spariti i decessi per incidenti,omicidi,patologie oncologiche,polmonari,cardiache? Si sono sparite. Grazie alla professionalità dei nostri media (giornali,tv,radio,siti) l’impatto emotivo è che oggi si muore solo di covid.

Diceva, se non erro Renzo Arbore, in una nota pubblicità: meditate gente, meditate.

Allego un video di un medico (quindi sicuramente persona più qualificata di me) che in 6 minuti praticamente dice le stesse cose:

Medico che si scaglia contro stampa e tv