Una riflessione caro Roberto

Ciao Roberto,

forse una mail è meglio di sterili discussioni in radio anche perchè…..sinceramente non ho capito il sugo della storia.

Io sono chiaro e diretto. Lasciamo da parte storia D-Star identificativo e simili. Non ho ho una radio D-star quindi credevo solo di avervi fatto un favore a richiedere un ID visto che sono registrato già su c4fm/dmr/echolink/qrz.

Ho mandato così tante volte la mia A.G. che mi son scordato, non e’ questo il discorso.

Però bisogna spiegarsi e capirsi. Vado piano piano. Allora io entro da un ripetitore “locale” connesso con rete BraindMaister che mi consente di accedere ai TG a livello mondiale. Ovviamente è sottointeso che per poter fare questo sono autorizzato, e fra l’altro (appunto) si vede sia nominativo che DMR-ID.

Non sono cattivo ma sono diretto e penso che questo sia un pregio. Essendo io autorizzato posso usufruire di tutte le reti dmr/c4fm/d-star/hf e quanto permesso dalla legge. Quindi diciamo che io dove posso operare non ho alcun obbligo a sottoscrivere ulteriori sottoscrizioni  a reti e sistemi.

Questo è il punto uno che in molti sottovalutano ma che è fondamentale. Io entro via DMR con DMR-ID e nominativo validato a livello mondiale è più che sufficente. Se poi incappo in un TG interconnesso con altre reti io non sono tenuto a far nulla in quanto la mia identità di OM è molto più che sufficientemente certificata a livello mondiale.

Malgrado il tutto sono una persona molto accondiscendete, quindi ok serve la registrazione alla rete D-Star la faccio e l’ho fatta per ben 2 volte anche se non ho mai avuto un’apparato d-star e mai lo avrò ma per “gentilezza” se mi richiedi di registrarmi lo faccio senza problemi.

Fino a qui ci siamo. Poi potrei andare oltre dicendo che il dmr-id a livello mondiale me lo hanno rilasciato in 2 ore mentre e 36 ore per aver quello d-star…. beh ne avrete 100.000 in coda…ci puo’ stare (ma chi ci crede).

Prefissi,suffissi, nominativi non e’ questo il problema. Io come Radioamatore con regolare A.G. , patente e nominativo vado dove voglio in tutti i modi concessi dalla legge. Io rispondo civilmente e penalmente al MISE non a parrocchie e parrocchiette che sono l’opposto contrario dello spirito HAM.

Non aggiungo altro su conoscenze tecniche in merito a radio ed IT ma ricordo che IU2 DLC è alla pari di un I1,I2,etc. chiamasi patente ordinaria ministeriale, che poi sia stata rilasciata 5 anni fa o 50 anni fa o che abbia cambiato nominativo poco importa.

Arrivo al dunque, nominativi, patenti, TG,reti, sinceramente è roba secondaria. Ma non esiste che un collega mi viene a dire che in una frequenza ove io sono autorizzato da un’ente statale mi dice “lascia il TG libero Toscano perchè ci sono colleghi in zona che magari hanno bisogno di comunicare, tu disturbi, spostati su altro TG”.

Se io mi sposto lo faccio e solo se lo voglio nessuno mi obbliga e potrà mai obbligarmi a farlo perchè non è contemplato dalla legge.

Non penso debba aggiungere altro. Si potrebbe e si dovrebbe convivere pacificamente, aggregarsi inveci di ostentare e pretendere diritti che non si hanno per legge.

Questo mail la leggerai su https://www.epki.it/IZ5ILH per il semplice motivo che a me non mi zittisce nessuno specie se non sono in torto.

Il resto qui diciamo e’ “fuffa” posso fare a meno della registrazione D-Star, del TG X o Y o Z ne trovo altri.

Rispetto è la prima regola nell’ HAM spirit.

Se non si ha quello tutto il resto non serve a nulla. Non serve avere reti, TG, direttive, lineari. Se non rispetti il prossimo il resto e’ solo ed usclusivamente una stupida ostentazione che non serve a nessuno ma che sopratutto non ci unisce ma ci divide.

Cordiali Saluti,

Pietro IU2 DLC – 222 2 603